Il comitato per la tutela e la salvaguardia di Piazza Bovio in Napoli nasce il 28 aprile 2011 come associazione di residenti, professionisti, imprenditori e commercianti che hanno a cuore le sorti della rinnovata piazza Borsa, come ancora i napoletani chiamano piazza G. Bovio nonostante la toponomastica sia cambiata da decenni, e delle zone limitrofe. 
Il comitato persegue come scopo quello di promuovere tutte quelle iniziative atte a promuovere, manutenere, tutelare e salvaguardare la bellezza ed il decoro di Piazza Borsa e dintorni. Per contatti e maggiori informazioni scrivere a info @ comitatopiazzaborsa.net o cliccare qui
Seguiteci su facebook

Pulizia del monumento equestre a Vittorio Emanuele II, vandalizzato da ignoti. (dal 10 aprile)


Desideriamo informare i soci ed i simpatizzanti che da mercoledì 10 prossimo si darà inizio ai lavori per la RIMOZIONE DELLE SCRITTE dal basamento della statua in Piazza. L'iniziativa è stata possibile innanzi tutto grazie ai contributi di adesione dei soci, poi grazie alla entusiasta sponsorizzazione del Presidente della nostra Municipalità e dell'A.RE.N. Associazione Restauratori Napoletani. 
Avuto notizia che la TEXCNIKOS Restauro aveva già curato la rimozione delle scritte vandaliche apposte sul basamento del campanile di S.Chiara (restauro riuscitissimo) abbiamo volentieri contattato la gentile dottoressa Maria Rosaria Vigorito che curerà, ne siamo certi, con altrettanta magistralità l'incarico richiestole. Speriamo infine che non ci saranno altri scellerati che scriveranno ancora sia sula statua che sulle panchine e sulle discese alla stazione metro. Un saluto caloroso a tutti
Il comitato
per la tutela e la salvaguardia di piazza Bovio

 

1 commento:

  1. Lodevole la vostra iniziativa per tutelare la piazza appena ristrutturata ma in relazione alla statua la verità è che andrebbe sostituita con una figura realmente rappresentativa della storia di Napoli e non Vittorio Emanuele, per quanto mi riguarda invece delle scritte o in aggiunta andrebbe danneggiata e rimossa la statua infame!

    RispondiElimina